venerdì 15 marzo 2019

giovedì 31 gennaio 2019

AUTUNNO


AUTUNNO
Un cambiamento nella natura ma anche nella nostra psiche, nel nostro corpo, nel nostro spirito, perchè siamo parte della natura, consapevoli o meno, subiamo o viviamo questi cambiamenti: Tutta l'energia estiva, incanalata, accumulata come le formichine che si preparano a scendere nel buio, anche in noi inizia un calo, una discesa, l'equinozio interiore. Meditabondo riflessivo e molto più sensibile si diventa, appaiono le nebbie mattutine che ci costringono a fermarci e guardare oltre. Equinozio poi significa "uguale" perchè le giornate hanno la stessa lunghezza sia di giorno che di notte, quindi momenti di equilibrio, di mettere alla pari le forze della luce con quelle delle tenebre. Perchè d'ora in poi sono le tenebre a prendere più spazio verso la discesa infernale dell'inverno. Ma mentre questo accade nel nostro polo nord (nel pensiero-testa-Yang) al polo sud, tra l'altro come nel pianeta terra, avviene il contrario quindi più luce (nel sentimento-cuore-Yin). Però siate pronti a perdere anche come gli alberi le foglie (speranze, sogni, ideali... tutto quello che il sole bruciò), anche in nostro corpo perde molta pelle e perdiamo anche molti capelli. Se saprete meditare vedrete mille colori, splendidi, i più infuocati di tutto l'anno. Bisogno quindi di tanta acqua avrà il nostro corpo per creare un grembo (amniotico) dove far rinascere tutta quella luce che l'estate ci ha donato. L'acqua è mediazione, è transizione, è fonte vitale. Interiormente significa silenzio (non vi meravigliate se sentite bisogno di tacere come le cicale, ormai il silenzio cala nel boschi pure, dunque anche nei pensieri). L'acqua è passaggio verso il profondo, verso l'inconscio. In autunno bevete acqua con regolarità e consapevolezza (il mondo moderno si è ormai dimenticato dei cicli della natura, preso come è dal consumismo esterno, si sono svuotati nella superficialità), ma gli spiriti svegli non posso che vivere in sintonia con l'universo. Se voi seguiste i ritmi della natura vivreste molti più sani dentro e fuori. Preparatevi dunque al cambiamento anche dal secco all'umido, accoglietelo con dolcezza e non andateli contro, sarebbe una lotta con delle conseguenze interne. L'umidità è un morso alle ossa, non fuggite (nel lamento) questi dolori interiori, sono segni di qualcosa che in noi non vuole il cambiamento, ma deve marcire per por rinascere. E infine il vento, l'aria si rinfresca, ora di rinfrescare anche pensieri, ricordi, aria nuova alle emozioni.

venerdì 18 gennaio 2019

IL CONFINE TRA FEDE E SUPERSTIZIONE 
La fede è una dimensione spirituale umana, quando è sana questa fa sì che la persona abbia una visione trascendentale, non si sente quindi rinchiusa nella materia, non soffre più della finitudine della realtà, delle cose, dei rapporti. E' una consapevolezza di una potenza interiore e divina. Quando viene a mancare questa credenza, la psiche per sopravvivere alla noia della futilità delle cose, cerca una credenza qualsiasi: ATTENZIONE tutti crediamo in qualcosa o qualcuno (chi crede di vincere al Lotto, chi crede che la squadra di calcio del cuore vincerà lo scudetto, chi crede in un partito politico, chi crede che la sua religione è quella vera... ecc), non esiste essere umano che non creda a qualcosa altrimenti subirebbe un disturbo patologico di nevrosi depressiva o convulsiva (disperazione). Il sorgere esasperato di magie, credenze miracolose, indovini, fattucchieri, cartomanti, veggenti ecc... il tutto poi avvolto di commercio a buon mercato, è sintomo di una società malata, senza una fede, senza un'identità spirituale, disperata alla ricerca di trascendenza. Pensate all'oroscopo: assurdo attribuire a centinaia di acquari o capricorni la stessa fortuna, lo stesso sintomo, la stessa sfiga, già di per sè la generalizzazione è indice di chiusura mentale estremista. Pensate a quello che vi indovina i numeri vincenti alla lotteria, ma perchè non se li gioca lui o lei visto che li sa piuttosto che racimolare spiccioli da telefonate con cui accalappia i creduloni? Pensate alle religioni che predicano tutte l'amore ma si scannano tra di loro per avere il primato!. Dunque valutate bene in cosa o in chi credete. La fede è ragionevole, illumina la mente, la porta se non a capire almeno ad intuire il mistero, se invece la mente è chiamata a stare zitta, a non fare domande, a ubbidire ciecamente, ad accettare senza ma... allora quella è superstizione, non importa se è della vostra religione, o il consiglio del vostro amante, amico o genitore o del governante di turno, state adorando  e seguendo il vuoto.

sabato 5 maggio 2018

BISESSUALITÀ PSICHICA


YIN-YANG NEL CERVELLO E L'IDENTITÀ SESSUALE
BISESSUALITÀ PSICHICA PERCHÉ LO SPIRITO E' PIENEZZA DI SESSO (BASTA DI DIRE CHE E' ASESSUALE).
La parte destra è centrata nel presente, si fa le immagine attraverso il collegamento dei movimenti del corpo, coglie il mondo con i sensi, quindi tatto odori suoni, percepisce la sensazione l'energia il collegamento con tutte le altre persone che sono in sintonia con noi e mi collega con il resto dell‘universo. Questa parte del cervello è chiamata FEMMINILE, l'anima, Eva, quella più intuitiva, passiva, sensibile, accondiscendente, sentimentale, è quella parte che può ricordare la melodia di una canzone ma dimenticarsi il testo. E' la parte più istintiva, emotiva, sensibile, quella che s'innamora ciecamente, siamo uomini che donna dobbiamo sapere cogliere il meglio di questo femmineo e controllare il suo lato oscuro che è quello della follia, della donna strega e cattiva.
L’emisfero SINISTRO è completamente diverso, pensa in maniera lineare, metodico. Gestisce il passato e pensa al futuro. Sta sempre a ragionare, catalogare, confrontare, è la voce che collega il mio mondo interiore con il io... e lui che dice “io sono” quindi mi individua, mi separa dal resto dell’universo. Questa parte del cervello è chiamata MASCHILE, l'animus, Adamo, quella più istintiva, attiva, astratta e per ciò insensibile, avventuriera, razionale, è quella parte che ricorda il testo di una vecchia canzone ma dimentica la melodia. Questa parte è spesso calcolatrice, razionale, quella che sfrutta le situazioni ma non si lascia coinvolgere, sia uomini che donne dobbiamo sapere cogliere il meglio di questo maschile e controllare il suo lato oscuro che è il bastardo ribelle scontroso distruttore e vendicativo.
Attenzione: quando nella Bibbia si dice che Dio creò Adamo ed Eva, si intende in senso figurativo simbolico e mitologico, diceva che creò l'essere umano in generale, maschio e femmina e , psicologicamente capace di accogliere l'integrità e la totalità sessuale di ambi i sessi, per questo è un racconto da decodificare. Adamo (Ish) ed Eva (Isha) sono proprio in noi queste due dimensioni che unite daranno alla luce una creatura: il IO vero, perfetto, consapevole , integro, equilibrato.

sabato 28 aprile 2018

DUALISMO VS DUALITÀ

DUALISMO OCCIDENTALE PLATONICO
Credo che una delle più grande incongruenze occidentali
è il modo in cui noi percepiamo la natura in base al dualismo della nostra nozione del mondo materiale e quello spirituale sotto l'influenza platonica: 
per noi agire è una manifestazione della volontà (il fare, la pratica), il pensare è un espressione dell'intelletto (il ragionare, la teoria). In noi esiste una scissione tra testa e cuore quindi tra teoria e pratica, tra fantasia e realtà, ma anche tra uomo e Dio, amore e sesso, cielo e terra, materia e spirito. Per noi dare la parola dovrebbe essere un fatto, invece a volte rimane una promessa fatta a parole senza azione, non compiuta. Soltanto le idee VISSUTE, incarnate sono vere, vita, realtà, quindi la maturità è colmare l'abisso tra il dire e il fare, tra la conoscenza e la pratica. Il simbolo, centrale al Taoismo, è l’esatto opposto della visione dualistica del mondo occidentale perché in questa concezione gli opposti sono solo le metà di un’unica entità, come il cielo e la terra, la luce e il buio, il maschile e il femminile, il buono e il cattivo, la teoria e la pratica: sono le due facce di un Unica moneta, mai distaccate, perché non si distaccano le facce di una moneta senza distruggerla. Dire conosco una persona non è sapere solo il suo nome, ma sapere qualcosa di più intimo, viscerale, personale. Si parla quindi di una conoscenza affettiva, non solo razionale, di un sentire anche con la ragione che è sensibile e non fredda o meccanica ideologia, quindi è l'unione degli opposti senza per questo distruggerli. Ciò che resta nel cervello e non scende nel cuore si chiama politica e religione, ciò che dimora nel cuore alla luce del cervello si chiama finalmente vita e spiritualità.

lunedì 16 aprile 2018

4 VORTICI DOVE SI FOCALIZZANO LE CAUSE DELLE MALATTIE

4 VORTICI DOVE SI FOCALIZZANO LE CAUSE DELLE MALATTIE

Tanto noi come gli animali in natura focalizziamo il malessere in presenza o mancanza di 4 fenomeni: il cibo, il sesso, l'habitat naturale e la conoscenza. Vediamo una sintesi di ognuno:
1. IL CIBO: Un leone sazio non attaccherebbe una lepre, affamato divorerebbe anche il domatore di circo. La mancanza di cibo ci rende violenti (paura di morire id fame). Molti di noi non patiamo la fame ma in cambio abbiamo un alimentazione incoerente innaturale ed esagerata che produce la cattiva digestione (pH alterato) modifica la flora batterica enterica, produce tossine e prepara il processo di malnutrizione cellulare, tissutale ed il terreno alla proliferazione batteri/parassiti chiamati patogeni presenti mediamente per almeno un centinaio di tipi nella maggior parte della popolazione cosiddetta civilizzata.
2. SESSO: l'energia più potente fisica, perchè collegata alla vita, chi non ha un attività sessuale sana ne dovrebbe avere una passione o dedizione pari al sesso, altrimenti il IO si fossilizza ed inacidisce. Anche gli animali in natura diventano violenti o depressi a causa della mancanza di sesso o pur di averlo.
3. HABITAT: un animale che non sta nel suo habitat naturale tende a deprimersi, una pianta di sole all'ombra si secca, una pianta del deserto nel fiume muore ammuffita, un uccello in gabbia non si riproduce... se noi viviamo in giungle di cemento, con il cronometro alle calcagna intasasti di appuntamenti, è normale che la pressione sanguigna crolli col tempo e le nevrosi crescano.
4. CONOSCENZA: Conflitti di incoerenza irrisolti, l'ignoranza, comportamentali sbagliati rispetto alle Leggi che regolano le strutture viventi, esperienze di vita traumatiche, la lotta di sopravvivenza con gli altri (anche economica) generano un forte ed inaspettato stress eccitatorio che può divenire anche continuo, che si localizza soprattutto nel sistema nervoso enterico - tubo digerente -, quindi nell'intestino e da questo luogo si "dirama" ovunque nel corpo attraverso IL SANGUE.
Da quanto detto possiamo dire che una vita SANA fa BUON SANGUE. Il sangue ricordiamolo non fa altro che ossigenare (spirito) le cellule con l'ossigeno (ENERGIA) e purificarle dall'anidride carbonica (VELENO).